Malattie croniche: questionario su cure e servizi

E’ disponibile il secondo questionario del “Monitoraggio dei Servizi sul Territorio – Fuori dall’Ospedale e dentro le mura domestiche”, promosso da CittadinanzAttiva, e di cui abbiamo già parlato in riferimento ai pazienti assistiti mediante cure domiciliari. Questo secondo questionario è invece rivolto ai malati cronici che non usufruiscano di cure domiciliari, e che facendo quindi affidamento interamente su servizi territoriali rischino di trovarsi in vario modo trascurati, o persino abbandonati a sè stessi, qualora questi servizi non funzionino al meglio.

Anche in questo caso l’obiettivo dell’indagine è quello di mappare l’offerta dei servizi territoriali e fotografarne il funzionamento attraverso un questionario online che permetta di raccogliere esperienze, bisogni insoddisfatti, buone pratiche e suggerimenti per migliorare i servizi.

Chiunque sia affetto da una patologia cronica (es. cardiopatie, patologie gastriche, neurologiche, muscolo-scheletriche, reumatologiche, respiratorie, etc.) può dunque contribuire fornendo indicazioni e suggerimenti mediante il questionario appropriato:

Entrambi i questionari sono anonimi e gli esiti dell’indagine verranno presentati a luglio 2017.

Per ulteriori approfondimenti su obiettivi e metodi dell’iniziativa rimandiamo al relativo comunicato stampa sul sito nazionale.

Due questionari per recepire esperienze, bisogni insoddisfatti, buone pratiche e suggerimenti utili a migliorare l’assistenza dei malati cronici.

Un pensiero riguardo “Malattie croniche: questionario su cure e servizi

  • 9 maggio 2017 in 8:02
    Permalink

    Dalla valutazione preliminare dei dati inseriti dai pazienti fiorentini emerge un livello piuttosto positivo di percezione di efficienza dell’assistenza domiciliare e di apprezzamento della qualità del servizio e della professionalità e disponibilità degli operatori, prevalentemente infermieri. Un maggiore ruolo dei medici di medicina generale e degli specialisti appare frequentemente auspicato. Mentre sempre purtroppo gravoso è l’onere economico aggiuntivo a carico dell’utenza, soprattutto per le voci relative a badanti, fisioterapia e riabilitazione.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *