Nasce il progetto regionale “DIALOGO”

E’ nato DIALOGO, un progetto toscano di informazione e comunicazione tra cittadini, istituzioni socio-sanitarie e politiche, dove la partecipazione e la collaborazione diventano punti d’incontro tra persone e istituzioni, tra capacità di saper esprimere i bisogni e quella di saper offrire servizi adeguati, realizzato da Cittadinanzattiva Toscana.

Il progetto è promosso al fine di produrre conoscenza e consapevolezza sull’uso più appropriato dei servizi territoriali e ridurre la distanza tra le necessità quotidiane del cittadino e le risposte delle istituzioni.

Con questo progetto vogliamo aumentare la conoscenza sui servizi territoriali socio-sanitari esistenti, sulla loro corretta funzionalità e miglior utilizzo, con particolare riguardo alle emergenze-urgenze; evidenziare le eventuali carenze rispetto al rapporto tra ospedale e territorio e favorire la consapevolezza del cittadino per renderlo capace di interagire con il team che lo cura ed essere curato al meglio; creare un “osservatorio” locale e regionale sul disagio socio-sanitario, utile agli operatori per comprendere al meglio i bisogni e predisporre gli interventi necessari.

Siamo convinti che rendere i cittadini più informati favorisca la collaborazione e la partecipazione consapevole al benessere proprio e della comunità di appartenenza; aumenti la capacità di autotutela dei propri diritti e il rispetto della persona; eviti inutili contestazioni e contenziosi alle aziende sanitarie; faciliti il colloquio e predisponga al rapporto di fiducia tra cittadini e operatori sanitari (dai medici di medicina generale agli infermieri, ai medici ospedalieri, etc.); promuova quell’alleanza terapeutica utile alla cura, al recupero e al mantenimento della migliore qualità di vita e all’utilizzo appropriato dei servizi e dei farmaci, evitando accessi impropri ai PS e alla medicina di urgenza.

Il progetto DIALOGO ha un ampio programma di attività, come convegni, seminari, dibattiti pubblici e laboratori locali. Gli incontri, diffusi nelle tre aree sanitarie della Toscana, privilegiano i territori aperti, interni e le aree cittadine disagiate.

DIALOGO prevede anche due momenti di verifica, ad inizio e fine delle attività: il primo è una “Raccolta di informazioni sulla conoscenza dei servizi socio-sanitari” con un questionario ad hoc i cui risultati permetteranno di costruire al meglio i contenuti dei successivi incontri partecipativi; l’ultimo, a fine progetto, serve a dare una valutazione sul gradimento dei partecipanti e l’efficacia del progetto sul territorio.

I seminari e i laboratori locali, che saranno realizzati anche grazie alla collaborazione con altre associazioni, saranno utili per un approfondimento su temi d’interesse generale come la dignità della persona, la sofferenza, l’attenzione ai bisogni del nucleo familiare, lo stigma, l’emarginazione.

Invitiamo tutti a rispondere alle brevi domande: le vostre risposte saranno utilissime per lavorare meglio insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *