Rapporto medico-paziente: diritti e doveri

Dai dati in possesso di Cittadinanzattiva emerge che la relazione tra medico e paziente è in difficoltà. Lo dicono i cittadini, lo dicono i medici.

Da una parte, in circa 8 casi su 10, i cittadini segnalano poca sensibilità nell’ascolto o poca empatia. Una persona su 3 trova nel medico scarsa disponibilità a orientarla tra i servizi; una su 4 si confronta con un linguaggio troppo tecnico e poco comprensibile; una su 5 ha vissuto scarsa attenzione al dolore.

Mi aspetto di essere ascoltato con attenzione e partecipazione, di veder rispettata la mia privacy, di poter fare domande e ricevere risposte, e di poterlo fare in un ambiente idoneo che mi faccia sentire a mio agio.

D’altro canto, circa 1 medico su 3 ritiene insufficiente o inadeguato il tempo a disposizione per la cura; in ugual proporzione riscontra difficoltà per mancanza di personale e in 1 caso su 5 per cattiva organizzazione dei servizi. In aggiunta, non esiste ancora nel percorso di laurea del medico una formazione specifica sui temi della comunicazione e relazione.

Mi aspetto che il cittadino sia rispettoso nei miei confronti utilizzando un linguaggio e un comportamento adeguato; mi aspetto che la persona assistita rispetti il mio delicato ruolo di professionista che cura e che risponde a un Codice Deontologico.

Ricostruire quindi un rapporto in crisi, restituire centralità alla  relazione e alla fiducia reciproca, a partire dai diritti e doveri di ciascuno. Sono questi i punti cardine del lavoro di promozione e informazione che Cittadinanzattiva porta avanti in queste settimane. con la realizzazione di un Decalogo (formato poster) e di un Vademecum dove sono stati riportati Diritti e Doveri tra Medico e Paziente. La nuova campagna dal titolo “Cura di coppia”, lanciata da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato presso la Fnomceo, è promossa in collaborazione con associazioni di pazienti, esperti e oltre 20 tra organizzazioni di professionisti e strutture sanitarie.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *